È Paola Poggioni la prima "Nonna super chef" d'Italia.

Pubblicato in News
30 Mar
È Paola Poggioni la prima "Nonna super chef" d'Italia.

Aretina, mamma di Francesca e nonna di Maya, la signora Paola ha portato tutta la grinta della Toscana all'interno dei piatti preparati durante le cinque puntate di Nonna super Chef, il talent condotto da Alessandro Di Pietro e che ha visto sfidarsi 12 concorrenti provenienti da tutta Italia. 5 puntate, 5 sfide sotto gli occhi attendi di una giuria d’eccezione. Pentole Agnelli, che ha ospitato il talent della cucina del suo cooking lab, ha intervistato la vincitrice e uno dei giurati, lo chef Michele Cannistraro.


La cucina è sinonimo di convivialità e storia personale, qual'è la sua madeleine?
Nonna Paola. Nessuna ricetta ma un uomo. La mia passione per la cucina mi è stata trasmessa da mio padre e tutto ciò che conosco lo devo a lui.

La cucina italiana è famosa nel mondo. Tanto che è uso comune dire che "la cucina parli italiano". A renderla famosa non solo la dieta mediterranea ma le tipicità territoriali. Chi meglio delle nostre nonne custodisce questa tradizione? Chef, anche lei deve la sua passione ad una ricetta della nonna?
Chef Cannistraro. Più che ad una ricetta allo stare in cucina. Da bambino ogni domenica mi svegliavo e andavo in cucina per fare colazione e vedevo mia mamma con mia nonna che preparavano le orecchiette fresche con le spancelle e c’era pasta da fare essiccare ovunque. Per non parlare poi del riso patate e cozze al forno che ora, rivisitato a modo mio, è un mio cavallo di battaglia. E la tradizione si è respirata anche nella cucina di “Nonna super chef”. Credevo che a contendersi il titolo sarebbero state la nonna piemontese e quella campana, ma la toscana Paola ha dimostrato di conoscere meglio di tutte le ricette della sua tradizione e le materie prime del territorio.

Una sfida a colpi di padelle. Ma nonna Paola ha nella sua cucina uno strumento di cottura che le è particolarmente caro? E di cosa in cucina non potrebbe fare a meno?
Nonna Paola. Non ho dubbi, la padella. È uno strumento versatile, si presta a mille usi. Dal saltare la pasta alle verdure. Nella mia cucina? Pasta e fagioli, ne andiamo ghiotti…ma rigorosamente con le coteche, come si dice dalle mie parti.

Da partecipante a giurato. La sua professione sembra essere legata a doppio filo a quella dei talent. Cosa ha rivisto nelle super nonne della sua esperienza da concorrente?
Chef Cannistraro Nelle nonne ho rivisto la stessa voglia che avevo io a masterchef, voglia di fare, di dimostrare il loro valore, forse con meno rivalità. La tranquillità regnava nella cucina di Saps Agnelli Cooking Lab che ospitava il talent. Oggi ho molta più esperienza rispetto alla mia partecipazione a Masterchef e ho notato parecchi errori tecnici che le nonne facevano durante le preparazioni, ma siamo stati lo stesso molto più buoni di Cannavacciuolo Cracco Barbieri e Bastianich.

Voce squillante ma una forte emozione. Cosa vuol dire essere "incoronata" nonna chef d'Italia?
Nonna Paola Sono davvero felice di aver preso parte al talent. Ancora una volta ho potuto dire di essere orgogliosa delle mie radici toscane, aretine. E un doppio premio! Non solo la “corona” di Nonna Super Chef ma la fornitura di strumenti di cottura di Pentole Agnelli che va ad accrescere le mia collezione Agnelli.

Una sfida all'ultima pignatta. Quali le caratteristiche che cercava in una "nonna super chef"?
Chef Cannistraro Precisione, tenacia, modernità. Qualità necessarie e da combinare con la preparazione. Tutti aspetti presenti nel carattere di Nonna Paola. Una vittoria meritata.

Via Madonna, 20 - 24040 - Lallio (BG) P.IVA 00720470160 +39 035 204 711 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter

Resta sempre aggiornato sulle novità di Pentole Agnelli:
Iscriviti subito alla nostra newsletter!!

ISCRIVITI >>

Strumenti di Cottura

strumentiIl Manuale Strumenti di Cottura svela i sotterranei scientifici del corretto uso delle pentole in cucina.

RICHIEDI SUBITO LA TUA COPIA